FARM

CAPICHERA - THE FARM

CAPICHERA

L’azienda Capichera nasce nel 1980, ma la storia della sua valle ha origini antiche, come i reperti archeologici che custodisce. Sono i fratelli Fabrizio e Mario a intuire il grande potenziale del terroir su cui sorgerà l’azienda Capichera. Inizia così un lavoro profondamente diverso legato alla raccolta e alla lavorazione delle uve. Fin dai primi anni di attività l’azienda si distingue per i risultati eccellenti ottenuti, soprattutto oltre i confini isolani, dove però contribuisce con il suo lavoro, a cambiare il modello produttivo del movimento enologico. È grazie anche ai risultati ottenuti che il vitigno principe del loro terroir ottiene la denominazione DOCG, riconoscimento difficile per un vitigno a bacca bianca.

L’azienda con gli anni cresce e si posiziona su un mercato di alto livello, ma soprattutto diventa ambasciatore dei vini sardi nel mondo, grazie al grande lavoro di un’azienda familiare che negli anni si espande, coinvolgendo altri membri della famiglia Ragnedda che partecipano di un’impresa che fa dell’eccellenza la sua mission.

Nei primi anni ’90, a Capichera, comincia la vinificazione dei vini rossi, con la stessa etichetta, nobilitando le uve di un vitigno autoctono molto complesso ma anche dalle enormi potenzialità, il Carignano. Anche in questo caso il manto granitico, i terreni sabbiosi e i venti di maestrale sembrano dar ragione una volta di più ai fratelli Ragnedda, così Capichera diventa leader anche nella produzione di due grandi rossi autoctoni come il Mantènghia e l’Assajé.

Il palcoscenico internazionale accoglie con entusiasmo i neonati rossi della cantina Capichera. Un segnale importante che incoraggia anche nuove linee della filiera Capichera.

Così nasce il progetto “Junior”,, con il “Lianti”, il “Lintòri” e il “Tambè”, bottiglie di grande spessore ma più aggressive, sia nella veste che nel gusto.

A latere prende corpo l’idea di produrre un grandissimo vino dal Syrah, vitigno internazionale, che Capichera, è certa, possa offrire in Sardegna un risultato eccezionale. “L’Albòri di Làmpata” è figlio di quest’ultima sfida della famiglia Ragnedda, un Syrah in purezza che conquista il mercato elitario a cui si rivolge.

Oggi l’azienda Capichera conta circa 50 ettari vitati attorno a tre nuclei produttivi, strategicamente posti in Gallura.

Esporta in oltre 40 paesi nel mondo ed è presente nella carta dei vini di oltre 500 ristoranti. Numeri che rendono l’azienda un vero e proprio modello d’impresa nel mondo dell’enologia italiane.