Capichera | Le origini della cantina Capichera

Dove il sole sorge trafiggendo il granito con i suoi riflessi rossi, dove tutto ha inizio.

Le origini

Capichera sorge in un angolo di Sardegna, incastonata fra le rocce granitiche della Gallura, in uno scenario naturale unico che gronda di tradizioni storiche importanti e di grande fascino.
Sebbene la tradizione vitivinicola della famiglia Ragnedda avesse radici remote, e alcune vigne già crescessero in un territorio particolarmente vocato, è stato nei primi anni ’80 che Fabrizio e Mario intuiscono il grande potenziale del Vermentino vinificato in purezza e si accorgono che l’unione straordinaria di questo vitigno con i suoli granitici vicini al mare può dare vita a qualcosa di unico.
Essi comprendono che il Vermentino di Gallura, prodotto nei vigneti di famiglia di Capichera, è un vino bianco di alto profilo in grado di confrontarsi con i migliori bianchi del panorama internazionale. Portano avanti, con passione, un processo di nobilitazione che traccia quello che è un percorso unico. Investendo grandi energie, stabiliscono nuovi ed elevati standard qualitativi: dedicano al vigneto un’attenzione prioritaria ed esigente, e poiché ogni appezzamento ha peculiarità proprie cominciano da subito a produrre vini dai singoli vigneti. Sono i primi al mondo a vinificare il Vermentino in barrique.

.

Il 1980 vede la nascita del primo Vermentino in purezza con etichetta Capichera. Pioniera dell’enologia di qualità in Sardegna, Capichera, con il proprio lavoro e con i suoi vini, ha il merito della rinascita e della rivalutazione enologica di questa regione.
Da allora Capichera ha ampliato i suoi orizzonti produttivi: acquisendo negli anni ’90 due nuove proprietà, ad Olbia e Palau, ha puntato anche su altri vitigni, che nel terroir gallurese riescono ad esprimersi in modo unico ed originale. Si impiantano Syrah e Carignano per produrre i rossi Assajé, Manténghja e Albòri di Làmpata, dimostrando che in Sardegna è possibile produrre eccellenti vini non solo dai tradizionali vitigni, come il Vermentino, o riscoprendo grandi autoctoni come il Carignano e il Cannonau, ma anche da vitigni internazionali come il Syrah.
Oggi Capichera si compone di circa 50 ettari di vigneti, ubicati in alcune delle aree più vocate della Sardegna.

Language »