Capichera | La storia
90
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-90,woocommerce-no-js,ajax_updown,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,overlapping_content,footer_responsive_adv,columns-4,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-capichera winery,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Le origini della cantina

Capichera è una realtà vitivinicola italiana che sorge in un angolo della Sardegna, incastonata fra le rocce granitiche della Gallura, ad Arzachena, in uno scenario naturale unico e di grande fascino che gronda di importanti e antiche tradizioni, in una località denominata appunto Capichera.

 

Un’azienda a conduzione familiare che alla fine degli anni ’70 ha determinato un importante passaggio enologico non solo in Sardegna a seguito di una grande intuizione: fu la prima cantina a valorizzare, con notevole successo, l’affinamento in legno del Vermentino, proponendo un modello fondato su una produzione di altissima qualità e di ricerca continua attraverso una viticoltura rispettosa e rigorosa dell’identità del territorio, consentendo a questo vitigno di rivelare le sue grandi peculiarità e caratteristiche.

 

L’ottima annata del 1980 diede vita al “Capichera”, la prima referenza che poi fu commercializzata con grande successo.

Il mercato lo recepì come un vino bianco di alto profilo, in grado di confrontarsi con i migliori bianchi nel panorama internazionale. Si procedette dunque sulla strada del monovitigno, impiantando esclusivamente Vermentino.  Molti critici autorevoli del settore affermano, tutt’oggi, che la storia di Capichera è in assoluto la storia del Vermentino di qualità.

 

La passione, l’investimento di grandi risorse e il miglioramento del modello produttivo, definirono ben presto nuovi ed elevati standard qualitativi con un’attenzione prioritaria ed esigente per ogni vigneto poiché, ogni appezzamento, possiede appunto le proprie peculiarità. Questo processo di sviluppo portò ad ottenere risultati innovativi ed esclusivi. Cosi dopo 10 anni, nel 1990, venne commercializzata la prima annata del Vendemmia Tardiva, l’attuale VT, il primo Vermentino in purezza affinato in barrique. Fu una vera e propria innovazione e a seguire, con la continua crescita dell’azienda, vennero prodotti altri importanti bianchi, nel 1994 il Vign’angena e il Santigaìni nel 2003.

 

La nascita della DOCG Vermentino di Gallura e successivamente della DOCG Vermentino di Gallura Vendemmia Tardiva, sancirono il Vermentino quale patrimonio vitienologico italiano nonché uno dei più grandi bianchi internazionali per il quale Capichera è ancora oggi un’icona nel mondo.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!